E' il paese culturalmente più importante in Ogliastra, sede della Diocesi e del Collegio dei Salesiani, del Tribunale, nonché dell'Ospedale Civile. Conta quasi 6000 abitanti ed è adagiato come un anfiteatro che domina la vallata e la costa sul mare. Il patrimonio archeologico ha attestazioni che vanno dal neolitico recente fino all'età romana. Le ricerche archeologiche compiute nel territorio hanno rinvenuto, presso il Bosco Selene, due domus de janas risalenti ad un periodo compreso tra il XV ed il XVIII secolo a.C. Il suo fulgido passato è testimoniato ancora oggi dalla ricca presenza di centri culturali come musei, chiese, monumenti. Un particolare cenno và all'Osservatorio Astronomico "F. Caliumi" situato sulla cima del Monte Armida, alla cattedrale Maria Maddalena, eretta nel 1927, alla chiesetta campestre di S.Cosimo e Damiano. Lanusei è rinomato per la gradevolezza del suo clima, soprattutto per la presenza a pochi chilometri dal centro del paese di un bosco le cui sorgenti possiedono acque con qualità curative, e una ricca varietà di animali quali cinghiali, volpi, colombacci, rapaci, ecc. Il Bosco Selene, così il suo nome, è meta di numerosi turisti, attirati anche dalla presenza di un attrezzato camping e punto di ristoro con tavoli e sedie
sparsi per tutta l'area.

 
Istituto SalesianoPanoramaOsservatorioIl paeseBosco SeleneCattedrale

Santa Maria Maddalena - S.Giovanni Bosco - Museo e Seminario Vescovile - Bosco Selene - Osservatorio Astronomico - Tombe dei Giganti e Nuraghe Seleni
 

Chi visita la città non può non ammirare la Cattedrale di S. Maria Maddalena, risalente agli inizi del XX secolo, nonché la Chiesa di S.Giovanni Bosco. Dedicato alla storia dell’Ogliastra e, della diocesi di Lanusei, da visitare anche il Museo Diocesano, sistemato nel seminario vescovile. Il museo contiene anche reperti archeologici, scritti e documenti d’epoca medievale.
La zona circostante Lanusei è ricca di boschi di lecci e roverelle, presenti soprattutto nel parco del Bosco Selene.
L’oasi verde, ricca di vegetazione e fresche sorgenti, è meta di turisti che amano percorrere in bicicletta i suggestivi percorsi naturali, immersi in un ambiente incontaminato. Sempre nelle vicinanze si possono visitare i resti di un villaggio nuragico e alcune tombe di giganti. Da segnalare, per gli appassionati di astronomia, l’Osservatorio Astronomico nel monte Armidda.
L'area archeologica del Nuraghe Seleni è situata a circa 1000 m. sul livello del mare, all'interno di un fitto bosco. Del  nuraghe è visibile il solo basamento, esso era circondato da un villaggio di capanne. Le due tombe dei giganti, scavate e restaurate da poco tempo, si trovano a circa 500 m. dal nuraghe.

Tomba dei Giganti Seleni

La prima ha un'esedra semicircolare, formata da pietre infisse nel terreno; la camera sepolcrale è a galleria, costruita con filari di pietre e in origine era dotata di una stele-porta. Tutto il monumento è costruito in granito locale, ed è databile al XV secolo a C. La seconda tomba è più grande, ed è distante 80 m. dalla prima. La facciata e l'esedra sono costruite con filari di pietre squadrate, la camera presenta ancora il pavimento originario lastricato in granito, e l'ingresso architravato. Anche questa è stata costruita in granito locale, ma è molto più rifinita rispetto alla prima,  La tomba è databile al XIV secolo a.C. Nei pressi si trova una pietra con tre fori, che in origine era posizionata sopra l'ingresso della tomba.